Letters by and to Carlo Pozzi, 1852/53

 


First letter front and back
(Click image for a large version)

    

Italian Original English Translation

Utrecht, 18 9bre 52

S(igno)r Professore Stimat(issi)mo

Mi consolò d’una parte di ricevere la car(issi)ma Sua (lettera)
da Pavia del 13 corr(ent)e, per avere sue novelle e di sua rispet(tabil)e
famiglia di Novara; ma dall’altra (parte) mi rattristò di vederci
di nuovo delusi nel nostro affare di Venezia, e li nuovi
contrasti nati, onde ritardarsi di nuovo il
pagamento del piccolo capitale residente a Venezia; il tutto ci travaglia contro. Ma ci vuole pazienza;
a Dio piaccia che Ella resti in stato di poter dirigere
l’affare fino alla fine, essendo ella il meglio
i[n]struito di quell’affare; senza di che, se l’Altissimo
mettesse fine ai suoi giorni, temo che io non
perverrei più a riscuotere un centesimo di tutte la
somma; Infine, cerchi tanto che sia in suo
potere di so(l)lecitare l’affare, e che noi ne veniamo
una volta al possesso di quanto ci appartiene; e non mancherò,
subito che ella mi manderà la modula della nuova
procura, senza perdita di tempo di fare mettere in
ordine per il notaio che fece l’anteriore, e di subito
rispedircela.

Per la sud(dett)a Sua (lettera) ho inteso con dolore lo Stato di lei, e dei
Suoi Sig(no)ri fratelli, ma mi congratulo nel[la] med(esim)o tempo
d’intendere che ambi siano di nuove rimessi in
discreta salute: che Dio li conservi tutti ancora
lungo tempo; perla med(esim)a Sua vedo pure quanto
la rispe[t]tabile di Lei famiglia è numerosa in nipoti
e pronipoti; stante che la mia non conta fino a
quest’ora che mia moglie, tre figlie e un figlio,
ma la maggiore delle figlie che è maritata tiene pure una
piccola figliola, così che sono di già “Grand-papa”.
Se per accidente non si presentasse alta occasione
per scrivergli, per non replicare le lettere inutilmente ...

pagina 2
salgo questa anafora per augurargli felicissimi le
sante feste natalizie, va che un buon capo d'anno
auguraguato di tutti le prosperità passi lei tu che
panche alla rispettali di Lei famiglie
passo desiderare per me stesso, che a Dio piaccia
concederei la consolazione di poterei contracernliare
le nostre novelle aporia lungo tempo stante che
le circostanze mi chiamo obbligate
per me di date un eterno addio alla mia
troppo cara Patria che non rivedrò meri più!
Aggradiate dunque li **** più os(s)equioso rispetti
uniti quelli di mia maglia e mia famiglia tutti
e resto con salita stima
l'uff(icial)e dev(otissimo) serv(itor)e.
C.P.

PS
quanto al mie negozi e che ne di mano interpreto
mi va discrettemente teine (tiene?), a molte neglie che
il mio anti ceduta Dio piaccia volermi prosper-
rare vilsmio che non manie di pregarle giornale
e per la dice conservazione e salute pure

Utrecht, 18 November 1852

honoured Mr. Professor

I was consoled on one hand to receive your very kind letter from Pavia of the 13th of this month, for it contained news of you and of your respectable family of Novara; but, on the other hand, I was saddened to see a new disappointment in our transaction at Venice and the new problems arisen, which delayed once again the payment of the small capital residing in Venice; all works against us.

But we have to be patient; May God grant you to remain in condition to direct this affaire till its conclusion, you being the one best instructed of this affaire; without that, if the Almighty should put an end to your days, I’m afraid that I would not get to collect a single cent of the whole sum at all;

Finally, try for what it’s in your power to speed up this affaire, so we may finally come into possession of what belongs to us; and as soon as you will send me the module of the new power of attorney, without loss of time

I will not fail to make it put in order by the same notary public who made the previous, and immediately send it back to you.

By your aforesaid letter, I have learned with pain of the health condition of yours, and of your Gentlemen brothers; but at the same time, I‘m happy to know they both returned in good health: may God preserve them all for a long time;

By your same letter, I see how numerous your respectable family is in grandsons and granddaughters; whereas mine does only count my wife, three daughters and one son; but the eldest of my fine daughters, who is married, has one small girl, therefore I already am a “Grand-Papa”.

If by accident shouldn’t any need arise for me to write you in future, in order to not uselessly repeating letters ...

Page 2
the text of page two was not yet corrected and translated


Second letter front and back
(Click image for a large version)

    

 

Italian Original English Translation

Utrecht, 19 Luglio 1853

Stimat(issim)o Professore

In riscontro alla preg(iatissi)ma Sua 6 Giugno, mi
sono affrettato tanto che ho poluto per far fare per notaio la nuova procura dimandatomi
# e che ci spedisco qui unita per lei servirsene
e che voglio sperare questo sarà
sufficiente, e secondo il desiderio di qual s(igno)r Fraleris
                         pervenire
per ché per poter giungere una volta alla fine di quel noioso
affare. Mi rincresce di tutto cuore recare di dovergli
cagionare tanta pena e travaglio e fastidio ma
desidererei pure che quell’affare si potesse finire
per lei medesimo piut[t]osto che passare nella mani
d’un altro, essendo lei il meglio alfabeto di tutta quella
istoria è ha il più che tutt’altro conoscenza di tutto
l’affare; Ora ne starò con molta impazienza attenderne
il risultato, e mi sarà d’una della più grande gioia
quando potrò ricevere la favorevole novella che l’affare
è accompiuto.

E’ a sperare che l’aria di Cressogno migliorerà
un poco la situazione del sempre preg(iatissi)mo sig(no)r Prevosto
Sua di Lei fratello, al quale lo prego voler presentargli
li miei ossequiosi rispetti. Mi spiace pure d’intendere
la trista situazione del sig(no)r Prefetto, lo raccomando pure nelle
mie orazioni per il Suo miglioramento.
Apprendo lo stato deplorabile dell’uva questa è una
grande punizione pel nostro paese, il medesimo
caso l’abbiamo avuto noi qui nella raccolta de’
pomi di terra durante quattro o cinque anni.

Voglia aggredire di cuore li miei cordiali e
ossequioso rispetti, uniti a quelli di mia moglie
e famiglia, e con la solita stima resto
L’ufficiale e di lei dev(otissimo) Ser(vitor)e
Carlo Pozzi

Utrecht, 19 July 1853

Honoured professor

In reply to Your esteemed (letter) of 6 June, I have hurried myself a lot, in order to have made by a notary public the new power of attorney that was asked me and that I’m sending enclosed to this letter so you may use it. And I will hope this to be enough, and in accordance with the desire of Mr Fraleris, in order to finally come to the end of that boring transaction.

I’m regretting with all my heart that I have to cause you so much pain and suffering and annoyance, but I would also wish that this transaction could be ended by you, rather than be passed to the hands of someone else, since you are the most aware person of all of this story, and you are more experienced than any other of this whole transaction; Now I will be in a state of much impatience awaiting for the result, and it will be of the greatest joy to me when I will receive the favourable news that the transaction was accomplished.

It is to hope that the air of Cressogno will improve a little the situation of the always esteemed mr. Pastor, your brother, to whom I’m begging you to present my respectful regards.

I’m also sorry to learn of the sad situation of Mr. Prefect: I will also recommend him in my prayers, for his improvement. I learned of the deplorable state of the grapes, which is a great punishment for our country: we have had the same case here in harvesting potatoes for four or five years.

Please, accept with all your heart my cordial and humble respects, together with those of my wife and family, and with the usual esteem I remain the officer and your devout Servant
Carlo Pozzi

 

Answer
(Click image for a large version)

Italian Original English Translation

Milano, 3 ottobre 1853

Pregiat(issim)o Signor Pozzi

Dall’egregio Sig(no)r Professore Giuseppe Prina ebbi ordine
di rimetterle le equivalente di lire 1250 di Milano. Per quanto
io abbia cercato un appunto sopra Amsterdam non mi è stato in
nessun modo possibile di rinvenirlo, non avendo qui nessuno rapporti
diretti con quella piazza; e per farlo stilare appositamente da un
banchiere mi sarebbe toccato a farle subire dal cambio una
perdita cosi forte, che non ho creduto del suo interesse di

appigliarmi a questo partito.

Qui in seno le rimetto dunque a pareggio della detta
somma una Cambiale sopra i signori A. Marquart di
Parigi di franchi 845.70, scadente il 15 corrente mese, che
tanto ad Utrecht come a Amsterdam ella deve indubbiamente
trovare da realizzare, presentandosi a qualche banchiere, od
affidandola a qualche sensale di cambio onde ottenerne il
cambio più favorevole.

Non so come ella abbia trovato tante difficoltà ad
una simile operazione l’ultima volta che le mandai del
Parigi. Su qualunque paese del mondo una tratta come quella
che le acchiudo, ragguagliata al rispettivo cambio di giornata
in moneta del paese, è denaro sonante. Bisogna che qualcheduno
l'abbia ingannata; ma qualora ella si indirizzi a qualche
negoziante, o sensale galantuomo questo non potrà più accadere.

La prego di voler accusar ricevuta della mia rimessa
d'oggi al prelodato sig. Professore e mi professo con tutta stima.

Di Lei dev(
otissim)o serv(itor)e
Luigi Piraud (this surname's spelling is not sure)


á Monsieur Carlo Pozzi

Serg(e)ant de la 1e Comp(agni)e du Dépôt du 1r régiment D'infanterie
á Utrecht
Hollande

 

Milan, 3 October 1853

Esteemed Mr. Pozzi

I had order by the dear Mr. Professor Giuseppe Prina to remit you the equivalent of 1250 Milanese Liras.
For how much I have looked for a contact in Amsterdam, I have not been able in any way to find it, since we don’t have here (in our agency or bank or what it was) any direct relationship with that marketplace; and if I ordered a banker to make it (i.e. the payment order) on purpose, you would have had such a heavy loss by the exchange rate that I believed it wasn’t your interest to chose this way.

Attached here I therefore send you, in order to balance the said sum, an order bill on the name of the gentlemen A. Marquart of Paris, for Francs 845,70, fall due the 15th of the current month, which in Utrecht as well as in Amsterdam you will undoubtedly be able to cash, simply presenting it to any banker, or entrusting it to a stockbroker in order to obtain the most favourable exchange-rate.

I can’t understand why you did find so many difficulties in a similar operation the last time that I sent you (money) from Paris. In any country of the world, a bill like the enclosed-one, simply updated to the daily exchange-rate of the local currency, it’s like ready money. It has to be happened that someone fooled you; but in case you address to an honourable trader or stock-broker, this won’t happen again.

I pray you to acknowledge receipt of today’s remittance of mine to the above praised mr. Professor (Prina), and (deserving you) all my esteem I profess myself

your most devoted servant
Luigi Piraud

 

[the address is in French!]
to Mister Carlo Pozzi
Sergeant of the first Company of the Depot of the first infantry regiment
in Utrecht
Holland 

[Utrecht is in fact in the Netherlands, not in Holland;
there is a difference. ;-) MW]

 

 


(A big thank you to Maurizio for the corrections of all the Italian texts and the English translations)

 

Last Updated: 3rd October 2006

 

Mail to Mark Wagenbuur

To the family homepage www.wagenbuur.nl.